La formazione di Bolic prima va sotto di due gol contro i rossoneri, poi nella seconda frazione i capitolini si rialzano e riescono a strappare un punto savio1 2che serve a poco.

COLLEFERRO Massimi 6, Shaytj 5.5, De Cesaris 6 (12’st Rosito 5.5), Orecchini 6.5, Franceschi 5.5, Tufi 6, Agnoli 5.5, Botticelli 6 (14’st Conti 5), Compagnone 5, Cerbara 7, Ramacci 5.5 (31’st Farneschi sv) PANCHINA Liberti, Gabriele, Imperia ALLENATORE Antonelli

SAVIO Pirinu 4.5, Liviello 5.5, Manzelli 5.5, Di Domenicantonio 6.5, Tomei 6, Laurenzi 6, Vecchiotti 5 (8’st Falconieri 7), Ricci 5 (43’st Bicari sv), Abruzzetti 5.5, Passeri 5.5 (37’st Filippelli 6.5), Panetta 6 (37’st Lorenti 6) PANCHINA Armenia, Salvato, Grossi ALLENATORE Bolic

ARBITRO Marani di Tivoli, 6

NOTE Espulsi Conti al 33’st (C) per doppia ammonizione Ammoniti Shaytj, Franceschi, Compagnone, Ricci. Angoli 2-5 Rec 2’pt - 5’st Fuorigioco 3-1

MARCATORI 20’e 32’pt Cerbara (C), Di Domenicantonio 19’st (S), Filippelli 47’st (S)

 

Non basta al Colleferro un ottimo primo tempo per conquistare i 3 punti contro il Savio. Come nel recupero di mercoledì scorso, la formazione di Antonelli si porta in vantaggio (questa volta doppio) e poi si fa riacciuffare in una ripresa in cui i rossoneri sono rimasti troppo passivi.

Punto abbastanza inutile alla truppa di Bolic in chiave finali, con il Certosa che scappa a +4, pareggio che, invece, fondamentalmente non cambia i piani del Colleferro. Solo rossonero Eppure la prima occasione dopo soli 20’’ è del Savio, con la girata di sinistro di Passeri che chiama Massimi al tuffo sulla destra. Il Colleferro sale di tono, e soprattutto in compattezza, col passare dei minuti, facendosi sempre più minaccioso. Al 12’, sugli sviluppi di una punizione, Botticelli si infila centralmente in area e prova a superare Pirinu con l’esterno, ma il numero 1 biancoblu blocca. Poco dopo (15’) Cerbara spara dal limite trovando la risposta di Pirinu che alza sopra la traversa. Il gol è solamente rimandato di 5’ perché al 20’ il portiere del Savio la fa grossa: tiro dal limite in fotocopia (questa volta a scoccarlo è Ramacci) e goffa respinta di Pirinu, che non fa in tempo a rimediare all’errore perché sulla sfera piomba Cerbara che, da un metro, fissa l’1- 0. Il Savio accusa il colpo e non riesce a reagire, il Colleferro senza strafare mantiene il pallino del gioco e al 32’ raddoppia: dormita sull’out destro di Di Domenicantonio (unico errore di una bella gara per il 4) con Botticelli che lo aggira e crossa sul secondo palo dove c’è appostato Cerbara che di testa infila il 2-0. Il difensore ospite prova a farsi perdonare immediatamente al 40’, con una bomba su punizione da circa 25 metri che Massimi manda in angolo distendendosi sulla sua destra. All’intervallo il Colleferro sembra aver chiuso il match Rimonta Savio L’ipotesi di una vittoria rossonera si fa sempre meno plausibile ad ogni minuto che passa dopo il rientro in campo. Bolic aggiusta la squadra (fuori un impalpabile Vecchiotti e dentro un vispo Falconieri) ed i biancazzurri iniziano a premere nella metà campo avversario. Panetta spaventa subito il Caslini con una botta su punizione, poi al 18’ si vede finalmente Abruzzetti che, servito dal fondo da Falconieri controlla e a centro area e colpisce in pieno la traversa. Il gol arriva un minuto dopo con Di Domenicantonio che pesca il jolly da poco meno di 30 metri ed infila il pallone all’incrocio dei pali di destra. E’ il segnale della riscossa biancazzurra. Il Savio non molla la presa fino alla fine e, in pieno recupero, trova il gol di un meritato pareggio grazie a Filippelli, in campo da soli 10 minuti. Imbucata geniale di Falconieri per il numero 13, che passa attraverso le maglie rossonere e batte Massimi con un tiro da posizione ravvicinata, 2-2. Il Colleferro ha un sussulto d’orgoglio e con il solito Cerbara ha l’ultimo pallone del match, ma questa volta il tiro da fuori del numero 10 non fa paura.